fbpx

Guida Michelin 2020: i ristoranti che perdono stelle

Guida Michelin 2020: i ristoranti che perdono stelle

Rivelazione della 65° edizione della Guida Michelin “Rossa” è Enrico Bartolini, premiato per i suoi ristoranti al Mudec di Milano e a Venezia.

Il ristorante Casa Vissani di Baschi (Terni) dello Chef Gianfranco Vissani invece perde due stelle e lo chef umbro critica duramente gli ispettori Michelin

Carlo Cracco non recupera la seconda stella persa nell’edizione 2018 con il suo ristorante in Galleria Vittorio Emanuele II a Milano. 

Antonino Cannavacciuolo mantiene le due stelle assegnate l’anno scorso al suo ristorante a Villa Crespi di Orta San Giulio (Novara), come anche la stella conferita al Cafè Bistrot Cannavacciuolo a Novara e al Cannavacciuolo Bistrot a Torino.

Gennaro Esposito invece ottiene ben tre riconoscimenti: la Guida non solo ha confermato le due stelle Michelin per il suo ristorante Torre del Saracino a Vico Equense, ma ha anche assegnato una stella al suo IT Milano. 

Infine, lo chef partenopeo ha ottenuto l’importate Premio “Mentor Chef” elevandosi a mentore per i nuovi giovani che aspirano a diventare chef.

Se a Firenze, la Chef Karime López di Gucci Osteria festeggia, Winter garden by Caino a Firenze dove troviamo lo chef Gentian Shehi, come anche Poggio Rosso a Castelnuovo Berardenga (Siena) con lo chef Juan Camilo Quintero, perdono la stella.

È stata tolta la stella anche al Pomiroeu di Giancarlo Morelli a Seregno (Mi), che però rimane menzionato con il “Piatto” per i prodotti di qualità e l’abilità stessa dello chef e per l’interessante lista di vini che il ristorante propone.

Ad uscire dal firmamento Michelin, sono anche I due buoi ad Alessandria: lo staff ha subito promesso che si impegnerà per riconquistare la stella persa.

Non brilla più nemmeno il San Marco a Canelli (Asti) e perdono la stella anche La Locanda del notaio a Pellio Intelvi (Como), la Locanda Stella D’oro a Soragna (Parma) e Terra a Sarentino (Bolzano).

Se l’Abruzzo presenzia nell’Olimpo della Guida con lo Chef Niko Romito, Il Cafè Les Paillotes a Pescara perde una stella.

In Campania perdono la stella ben tre ristoranti: il Relais blu a Massa Lubrense (Napoli), Il Mosaico a Ischia, Il Vairo del volturno a Vairano Patenora (Caserta) e La Sponda a Positano.

Fonte: Ristorazione Italiana Magazine

Condividi questo post


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie e della normativa privacy da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi